Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Notiziario Comunicati Stampa Disturbo dello spettro autistico associato a epilessia nei
Azioni sul documento

Disturbo dello spettro autistico associato a epilessia nei

Calambrone (Pisa) - Disturbo delle spettro autistico associato ad epilessia nei bambini: parte dalla Stella Maris lo studio che ha l’obiettivo si individuarne le cause genetiche e per migliorare la diagnosi e operare scelte farmacologiche mirate tra quelle a disposizione. Il progetto, che ha ricevuto il finanziamento di Telethon, è stato presentato da Federico Sicca, clinico e ricercatore del IRCCS Fondazione Stella Maris di Calambrone (Pisa) e si avvale del lavoro congiunto del suo team, di quello di Mauro Pessia dell’Università di Perugia,di Elena Ambrosini dell’Istituto Superiore di Sanità di Roma e di Renzo Guerrini del AOU Meyer di Firenze.

Il progetto che si svilupperà in tre anni è l’evoluzione di un precedente studio già realizzato

da Federico Sicca: “Pensiamo che l’associazione del disturbo dello spettro autistico con

l’epilessia possa condividere una causa genetica comune - spiega -. L’autismo e

l’epilessia sono fortemente associati e questo lo si trova in molti studi: dal 5 al 46% delle

persone con disturbo autistico hanno nella loro vita almeno una crisi epilettica, più

frequentemente di quanto si osserva nella popolazione generale (0,5%-1%). Viceversa, la

prevalenza di disturbi dello spettro autistico nelle persone con epilessia ha una frequenza

circa 50 volte superiore rispetto alla popolazione generale”.

Da qui il più che fondato sospetto che possano esserci meccanismi genetici e molecolari

comuni alla base delle crisi epilettiche e delle disfunzioni socio-comunicative e cognitive

che caratterizzano i disturbi dello spettro autistico.

Quale però la causa? L’ipotesi su cui è incentrata l’attenzione del progetto ora finanziato

da Telethon è il ruolo di alcuni canali ionici (canali KIR), rettificatori di ingresso del potassio

che si trovano in alcune cellule (Astrociti) del cervello. Cellule il cui ruolo è importante sia

sotto il profilo strutturale, sia sotto quello metabolico e per la loro attività di regolazione

dell’eccitabilità neuronale e della trasmissione sinaptica. ““In parole più comprensibili i

canali KIR astrocitari ripuliscono lo spazio extraneuronale dall' eccesso di potassio. Ciò è

essenziale per la regolazione dell’eccitabilità neuronale e della funzione sinaptica - spiega

Federico Sicca - Nel nostro precedente studio in alcuni pazienti con epilessia, abbiamo

trovato l’alterazione dei geni che codificano per la sub unità 4.1 dei canali KIR”. L’ipotesi è

che queste mutazioni genetiche possano essere l’origine del disturbo dello spettro

autistico associato ad epilessia.

Il progetto si pone come obiettivi quelli di allargare la casistica dello studio su un campione

più ampio di bambini con queste patologie associate, di valutarne tutti gli aspetti clinici e

comportamentali, di studiarne il DNA e in particolare tre canali KIR (4.1, 5.1, 2.1), di fare

un approfondita valutazione dal punto di vista funzionale dell’alterazione genetica su

modelli cellulari e animali. “Genereremo una linea di topi geneticamente modificati (knockin)

che presentino la mutazione che riterremo più significativa, così da studiarli a 360 gradi

(comportamentale, epilettologico, elettroencefalografico e cellulare) con l’obiettivo di

trovare farmaci mirati, tra quelli disponibili, capaci di agire sul difetto del canale e quindi di

dare una risposta terapeutica davvero efficace a questi bambini”.

Chi è. Federico Sicca ha 40 anni, laureato e specializzato in Neuropsichiatria Infantile

all’Università di Napoli, ha tra le sue esperienze un periodo di formazione epilettologia ed

elettroencefalografia all’Hopital Saint Vincent de Paul di Parigi con il professor Dulac e

all’IRCCS Fondazione Stella Maris con il professor Guerrini.

 

Progetto IRCCS Fondazione Stella Maris: coordinatore Federico Sicca

Collaborazioni: AOU Meyer Clinica Neurologia Pediatrica, Renzo Guerrini

IRCCS Fondazione Stella Maris, Medicina Molecolare Filippo Maria Santorelli

IRCCS Fondazione Stella Maris, Psichiatria dello Sviluppo, Filippo Muratori

Perugia, Dipartimento di Medicina Interna dell’Università degli Studi, Mauro Pessia

Roma. Istituto Superiore di Sanità, Elena Ambrosini

coordinatore Federico Sicca

Collaborazioni: AOU Meyer Clinica Neurologia Pediatrica, Renzo Guerrini

IRCCS Fondazione Stella Maris, Medicina Molecolare Filippo Maria Santorelli

IRCCS Fondazione Stella Maris, Psichiatria dello Sviluppo, Filippo Muratori

Perugia, Dipartimento di Medicina Interna dell’Università degli Studi, Mauro Pessia

Roma. Istituto Superiore di Sanità, Elena Ambrosini

Ufficio Stampa IRCCS Fondazione Stella Maris Roberta Rezoalli r.rezoalli@gmail.com – PM 335 6860677
Ultime notizie
17/07/2019 Telethon finanzia progetto di ricerca su una rara malattia metabolica dell’IRCCS Fondazione Stella Maris C’è anche l’IRCCS Fondazione Stella Maris tra i progetti finanziati da Fondazione Telethon in Toscana per complessivi 660 mila euro. Il progetto scelto come il migliore riguarda infatti una rara malattia metabolica, il deficit di trasporto della creatina, il progetto di Laura Baroncelli dell’IRCCS Fondazione Stella Maris. L’impatto di questa patologia è soprattutto a livello del cervello: i bambini che ne sono affetti presentano infatti disabilità intellettiva già in età precoce, epilessia e comportamenti di tipo autistico. Al momento non esistono cure: obiettivo di questo progetto, che si svolgerà in partnership con l’Istituto italiano di tecnologia, sarà mettere a punto nel modello animale un approccio di terapia genica, che consenta tramite un vettore di origine virale di trasferire una versione corretta del gene difettoso direttamente nel cervello nel modello animale della malattia e poi nell’uomo. Il trasferimento genico a livello cerebrale è particolarmente difficile, perché occorre superare la barriera emato-encefalica che normalmente ha il compito di proteggere il nostro cervello da “intrusioni” esterne. I ricercatori studieranno inoltre, mediante tecniche innovative di imaging cerebrale, come i circuiti nervosi del cervello sono influenzati da questo difetto genetico nelle diverse fasi della progressione della malattia.
17/07/2019 Al via oggi alla Summers School dedicata alla ricerca nell’ambito della riabilitazione infantile: oltre 30 studenti provenienti da tutta Europa per 5 giorni con i maggiori esperti internazionali al corso di ricerca dell’Università di Pisa con il sostegno Pisa, 15 luglio 2019 - “Evidence based medicine and research in rehabilitation of childhood disability”, è il titolo della Summer School promossa e coordinata dal prof Giovanni Cioni, Professore di neurologia infantile e psichiatria dell’Ateneo Pisano, Presidente dell'EACD e Direttore scientifico dell’IRCCS Fondazione Stella Maris, che oggi alle ore 9 ha preso avvio al Centro Congressi Le Benedettine di Pisa nell’ambito delle Summer School che l’Università di Pisa promuove in diversi campi, quali ad esempio le materie umanistiche, l’ingegneria, la matematica, le scienze e altri ancora. Ad aprire l’evento è stato il Professor Paolo Mancarella, Rettore dell'Università di Pisa,che ha portato i saluti ai partecipanti, sottolineando l’importanza di questo percorso formativo nell’ambito di un settore rilevante delle neuroscienze.
10/07/2019 La Parrochia "La Madonna" San Romano (PI) presenta IL MIO GESU' Un Opera di Beppe Dati 15 Settembre 2019 ore 21.15 Chiostro del Convento Francescano San Romano (Pisa) Con il patrocinio della Fondazione Stella Maris
29/05/2019 Traiettorie psicopatologiche dal neonato all’adulto così l’edizione XII delle Giornate Pisane di psichiatria e psicofarmacologia clinica evidenzia le relazioni dal feto al neonato e all’adulto. Presidente la professoressa Liliana Dell’Osso, vicepresidente professor Giovanni Cioni Il 28 e 29 maggio un congresso scientifico all’Hotel Galilei (via Darsena 1)
18/04/2019 UNIC – LINEAPELLE Concerie Italiane ha donato le uova di Pasqua per i bambini e i ragazzi ospiti delle varie sedi della Fondazione Stella Maris, la consegna è avvenuta all’insegna della gioia con i clown “I libecciati” Calambrone (Pisa) - Un dolcissimo dono, in vista della Pasqua, per tutti i bambini e i ragazzi ricoverati nelle varie sedi della Fondazione Stella Maris. E’ quello che UNIC LINEAPELLE, Concerie Italiane, ha voluto fare ieri pomeriggio consegnando decine di uova di cioccolato agli ospiti dell’Istituto di Calambrone (Pisa) e dei Centri di San Miniato e di Montalto di Fauglia. Un regalo che sottolinea il percorso di responsabilità sociale che UNIC ha deciso di intraprendere a favore del IRCCS Fondazione Stella Maris, condividendo l’obiettivo di sostenere il nuovo Ospedale dei bambini che l’Istituto è in procinto di realizzare nell’area di Cisanello a Pisa. Una partnership che, come un seme, sta generando momenti di intensa collaborazione e la donazione odierna rientra in questo cammino condiviso. “Abbiamo allo studio una serie di iniziative a supporto delle attività della Fondazione Stella Maris”, dichiara Fulvia Bacchi Amministratore delegato UNIC.
Altre notizie…