Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Notiziario Comunicati Stampa Matteo Stefanini, campione di canottaggio amico della IRCCS Fondazione Stella Maris ha fatto visita ai piccoli ospiti di Calambrone
Azioni sul documento

Matteo Stefanini, campione di canottaggio amico della IRCCS Fondazione Stella Maris ha fatto visita ai piccoli ospiti di Calambrone

"I limiti sono solo nella nostra testa", è il messaggio a chi combatte l’anoressia

Calambrone - Come si diventa campioni di canottaggio? "Tutto è iniziato con due sedie messe dentro a una barca". Ventisette anni di San Miniato, medaglia d'argento ai mondiali assoluti in Nuova Zelanda, alfiere azzurro ai Giochi Olimpici di Atene nel 2004 e un palmares da vero campione di canottaggio. A parlare è Matteo Stefanini uomo di spicco della voga italiana convocato per gli imminenti Giochi Olimpici di Londra e del suo percorso di conoscenza della realtà del IRCCS Fondazione Stella Maris. Dopo aver assistito allo spettacolo Sogni di Beppe Dati a Santa Croce sull’Arno, il giorno dopo - il 6 marzo - ha fatto visita alle ospiti e agli ospiti della struttura sanitaria di Calambrone. Ad accoglierlo sono stati il Presidente dell’Istituto Giuliano Maffei e il Direttore Generale Roberto Cutajar. Assistendo allo spettacolo ha fatto proprio il messaggio dell’artista compositore e cantante Beppe Dati: “Quando vai alla Stella Maris pensando di dare qualcosa, in realtà torni avendo ricevuto molto di più dai bambini e dai ragazzi e ragazze che incontri”.

 

La visita dello sportivo iridato gli ha permesso di conoscere da vicino le attività dell’Istituto scientifico di cura, compresi il Laboratorio di Neurogeneratica e la Risonanza Magnetica 7 Tesla, la prima attrezzatura a campo ultra alto tra poco attiva in Italia e una delle poche al mondo. 

Matteo Stefanini cosa le rimane di questo incontro? “La visita alla Stella Maris - dice il campione al termine di una giornata importante per tutti - è destinata ad arricchire il mio bagaglio personale. Ritengo verissime le parole di Beppe Dati e le condivido pienamente. Torno a casa con tanto dentro di me”.

Tornerà alla Stella Maris?

“Sicuramente sì anche se penso a cosa potrei dare. Posso mettere al servizio di questo Istituto la mia esperienza sportiva, quello che ho vissuto e maturato nel tempo come campione e soprattutto come uomo. Penso che non sia facile dare qualcosa a persone che vivono la realtà della Stella Maris, Istituto che cura bambini e adolescenti con disturbi neurologici e neuropsichiatrici. Significa che il mio impegno sarà maggiore per loro”.

Nell’incontro con le ragazze che soffrono di anoressia lei ha fatto un’affermazione piena di significato “I limiti sono solo nella nostra testa”, come è arrivato a questa convinzione?

“E’ una convinzione che ho maturato a livello sportivo perché sono riuscito a raggiungere traguardi che all’inizio mi apparivano come inarrivabili. Sinceramente penso che non ci sia età e non ci sia limite mentale come impossibili. Se nella testa vuoi arrivare a quell’obiettivo con pazienza, costanza e serenità ci arrivi”.

A Matteo vanno i nostri in "bocca al lupo", faremo tifo per te.

 

Ultime notizie
17/07/2019 Telethon finanzia progetto di ricerca su una rara malattia metabolica dell’IRCCS Fondazione Stella Maris C’è anche l’IRCCS Fondazione Stella Maris tra i progetti finanziati da Fondazione Telethon in Toscana per complessivi 660 mila euro. Il progetto scelto come il migliore riguarda infatti una rara malattia metabolica, il deficit di trasporto della creatina, il progetto di Laura Baroncelli dell’IRCCS Fondazione Stella Maris. L’impatto di questa patologia è soprattutto a livello del cervello: i bambini che ne sono affetti presentano infatti disabilità intellettiva già in età precoce, epilessia e comportamenti di tipo autistico. Al momento non esistono cure: obiettivo di questo progetto, che si svolgerà in partnership con l’Istituto italiano di tecnologia, sarà mettere a punto nel modello animale un approccio di terapia genica, che consenta tramite un vettore di origine virale di trasferire una versione corretta del gene difettoso direttamente nel cervello nel modello animale della malattia e poi nell’uomo. Il trasferimento genico a livello cerebrale è particolarmente difficile, perché occorre superare la barriera emato-encefalica che normalmente ha il compito di proteggere il nostro cervello da “intrusioni” esterne. I ricercatori studieranno inoltre, mediante tecniche innovative di imaging cerebrale, come i circuiti nervosi del cervello sono influenzati da questo difetto genetico nelle diverse fasi della progressione della malattia.
17/07/2019 Al via oggi alla Summers School dedicata alla ricerca nell’ambito della riabilitazione infantile: oltre 30 studenti provenienti da tutta Europa per 5 giorni con i maggiori esperti internazionali al corso di ricerca dell’Università di Pisa con il sostegno Pisa, 15 luglio 2019 - “Evidence based medicine and research in rehabilitation of childhood disability”, è il titolo della Summer School promossa e coordinata dal prof Giovanni Cioni, Professore di neurologia infantile e psichiatria dell’Ateneo Pisano, Presidente dell'EACD e Direttore scientifico dell’IRCCS Fondazione Stella Maris, che oggi alle ore 9 ha preso avvio al Centro Congressi Le Benedettine di Pisa nell’ambito delle Summer School che l’Università di Pisa promuove in diversi campi, quali ad esempio le materie umanistiche, l’ingegneria, la matematica, le scienze e altri ancora. Ad aprire l’evento è stato il Professor Paolo Mancarella, Rettore dell'Università di Pisa,che ha portato i saluti ai partecipanti, sottolineando l’importanza di questo percorso formativo nell’ambito di un settore rilevante delle neuroscienze.
10/07/2019 La Parrochia "La Madonna" San Romano (PI) presenta IL MIO GESU' Un Opera di Beppe Dati 15 Settembre 2019 ore 21.15 Chiostro del Convento Francescano San Romano (Pisa) Con il patrocinio della Fondazione Stella Maris
29/05/2019 Traiettorie psicopatologiche dal neonato all’adulto così l’edizione XII delle Giornate Pisane di psichiatria e psicofarmacologia clinica evidenzia le relazioni dal feto al neonato e all’adulto. Presidente la professoressa Liliana Dell’Osso, vicepresidente professor Giovanni Cioni Il 28 e 29 maggio un congresso scientifico all’Hotel Galilei (via Darsena 1)
18/04/2019 UNIC – LINEAPELLE Concerie Italiane ha donato le uova di Pasqua per i bambini e i ragazzi ospiti delle varie sedi della Fondazione Stella Maris, la consegna è avvenuta all’insegna della gioia con i clown “I libecciati” Calambrone (Pisa) - Un dolcissimo dono, in vista della Pasqua, per tutti i bambini e i ragazzi ricoverati nelle varie sedi della Fondazione Stella Maris. E’ quello che UNIC LINEAPELLE, Concerie Italiane, ha voluto fare ieri pomeriggio consegnando decine di uova di cioccolato agli ospiti dell’Istituto di Calambrone (Pisa) e dei Centri di San Miniato e di Montalto di Fauglia. Un regalo che sottolinea il percorso di responsabilità sociale che UNIC ha deciso di intraprendere a favore del IRCCS Fondazione Stella Maris, condividendo l’obiettivo di sostenere il nuovo Ospedale dei bambini che l’Istituto è in procinto di realizzare nell’area di Cisanello a Pisa. Una partnership che, come un seme, sta generando momenti di intensa collaborazione e la donazione odierna rientra in questo cammino condiviso. “Abbiamo allo studio una serie di iniziative a supporto delle attività della Fondazione Stella Maris”, dichiara Fulvia Bacchi Amministratore delegato UNIC.
Altre notizie…